Asse Napoli-Toro: se la chiave non fosse Petagna, ma Idrissi?

04.06.2020 12:12 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Asse Napoli-Toro: se la chiave non fosse Petagna, ma Idrissi?

Con almeno uno tra Everton Soares del Gremio e Jeremie Boga del Sassuolo - a meno che il Chelsea non decida di riportare quest'ultimo alla base in via permanente - in entrata, i vertici del Napoli continuano a scandagliare il mercato degli attaccanti, in vista di una parziale rifondazione del reparto. José Maria Callejon è in uscita pressoché certa; discorso analogo per Arek Milik, benché complicato da un contratto non ancora a termine, in conseguenza del quale si contrappongono le aspettative economiche dei partenopei circa la cessione a titolo definitivo, e quelle del giocatore rispetto al progetto da scegliere, tra le tante pretendenti in campo.

In ogni caso, come evidenzia CM.it, i partenopei, che già potrebbero utilizzare Andrea Petagna (in foto) come moneta di scambio, puntano a un avvicendamento in rosa tra Adam Ounas e Oussama Idrissi. Sondato a più riprese dal Toro nel recente passato, il 24enne fantasista offensivo, punto fermo dell'AZ Alkmaar e della nazionale marocchina, munito di doppio passaporto olandese, e reduce da un'annata in Eredivisie lungo la quale è risultato uno dei migliori in assoluto tra trequartisti, esterni offensivi, rifinitori d'attacco, potrebbe essere acquistato dal Napoli, e girato in prestito - se non addirittura a titolo definitivo - come contropartita. Per Belotti? Può darsi, senza dimenticare l'ipotesi N'Koulou, nome gradito a De Laurentiis. Improbabile invece che ai partenopei interessi ancora Sirigu, considerata la conferma di Alex Meret in vista della prossima stagione. Il Toro, in ogni caso, potrebbe aprire a un tridente composto da Verdi, Belotti o un suo sostituto di primo piano, e un nuovo nome a supporto, con Idrissi profilo decisamente compatibile, per fame di esperienza in uno dei massimi campionati mondiali, prima di essere del tutto pronto per una big. E con la Roma, la Roma di quel Petrachi che già avrebbe voluto portarlo a Torino, sulla scia del talentuoso classe '96.