Cesena, Foschi: "Non eravamo pronti per la Serie A. Bisoli grande lavoratore, ma non potremo accontentarlo appieno"

04.07.2014 09:00 di Claudio Colla   vedi letture
Cesena, Foschi: "Non eravamo pronti per la Serie A. Bisoli grande lavoratore, ma non potremo accontentarlo appieno"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

A tutto campo le dichiarazioni di Rino Foschi, direttore sportivo del Cesena tornato in Serie A, rilasciate a Sky Sport 24: "Ci stiamo preparando, è stata un'improvvisata: non eravamo preparati per la A, ci siamo arrivati meritatamente grazie al grande lavoro di Bisoli e del gruppo. Non siamo nuovi a questa categoria, ma siamo pronti e lavoriamo per un organico che ci permetta di mantenere la categoria. Sono romagnolo ed è la prima volta che lavoro a casa: sono orgoglioso di farlo qui, sono contento anche dell'amichevole che faremo con la Juventus il 30 luglio in memoria di Lugaresi, il padre dell'attuale presidente.

Il mercato? Bisoli è un lavoratore, uno che dalla C è andato in A. Ha fatto un'impresa, non ha pretese, ma non potremmo accontentarlo per il budget ridotto. Siamo un club serio, Atalanta e Juventus ci assistono visto che con loro facciamo operazioni importanti. Non abbiamo le pretese di portar qui giocatori importanti.

I problemi in federazione? Io sono vecchio ma piccolo per dare risposte su Tavecchio o Albertini...siamo amici con Tavecchio, sono in difficoltà se devo dare una risposta decisa. Serve qualcosa di importante, abbiamo perso tanto ultimamente nel nostro calcio. Serve una via di mezzo, per la FIGC serve esperienza, ma non una persona vecchia.

Mutualità dei diritti TV? Due giorni di pena, ho visto cose poco simpatiche. Il calcio è un'azienda dove ci sono mille e passa milioni da spartire tra A e B. Diventa una cosa seria".