ESCLUSIVA TG – Venerato: “Sirigu è nel radar del Napoli, ma ancora nessun contatto con il Torino”

16.06.2018 07:00 di Elena Rossin  articolo letto 5405 volte
Fonte: Elena Rossin
© foto di Federico De Luca
ESCLUSIVA TG – Venerato: “Sirigu è nel radar del Napoli, ma ancora nessun contatto con il Torino”

Ciro Venerato è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. Con Venerato, giornalista Rai esperto di calciomercato, abbiamo parlato dell’interesse del Napoli per Sirigu.

Stando alle ultime notizie in circolazione il Napoli avrebbe raggiunto un accordo di massima con Sirigu per un triennale, è vero?

“Non mi risulta che la cosa sia a uno stato così avanzato. Ci sono stati colloqui fitti, importanti e approfonditi tra il direttore sportivo Giuntoli e l’agente di Sirigu Branchini, ma il Napoli deve ancora scegliere il portiere”.

Quindi il Napoli è ancora indeciso fra Areola e Sirigu?

“Il Napoli un mese fa era convinto di poter prendere Rui Patrício e poi è successo, come si sa, che il giocatore ha deciso di svincolarsi in maniera unilaterale dallo Sporting Lisbona e adesso il Napoli teme che fra tre-quattro anni la Fifa possa squalificarlo e lo Sporting possa chiedere i danni alla società che l’ha tesserato, come successe con Mutu alla Juventus. Il Napoli ha, quindi, chiesto al procuratore sportivo Mendes, che è un po’ l’intermediario dell’operazione, di far firmare una manleva al giocatore che di fatto scagioni il Napoli in modo che se fra tre-quattro anni la Fifa lo squalificasse tutte le spese e i danni che lo Sporting potrebbe reclamare sarebbero a carico del portiere e non del club partenopeo. Relativamente a questa richiesta il giocatore non è convinto di firmare la manleva e, quindi, potrebbe andare al Wolverhampton, che magari accetta di rischiare.
Quindici giorni fa il Napoli era ottimista per Leno ed era convinto che il Bayer Leverkusen accettasse il prezzo che aveva stabilito De Laurentiis. Si partiva dalla clausola di ventotto milioni che, però, era trattabile e si scendeva fino a quidici-sedici ritenuti pochi dal club tedesco e, infatti, si è inserito l’Arsenal che sta concludendo la trattativa per Leno.
Sfumato anche Perin, sul quale il Napoli si era mosso tardi e male, andato alla Juventus nella lista dei portieri sono rimasti Areola e Sirigu che sono due portieri graditi da Ancelotti che li aveva già allenati ai tempi del Paris Saint Germain. Non sono veri, invece, altri nomi come quello di Trapp che possono essere stati offerti, ma che non rientrano nei piani”.

Il Torino non è intenzionato a cedere Sirigu, basterà questo a farlo restare in granata?

“Ho parlato con Petrachi e non è disposto a darlo via, ma se il giocatore chiedesse di andare via, esponendosi in prima persona anche con la piazza, allora inizierebbe la trattativa, però, il Torino la farebbe pagare cara al Napoli perché valuterebbe il portiere più di dieci milioni. Il Napoli lo vorrebbe pagare molto meno e, quindi, già questo sarebbe un primo ostacolo. Tutto dipenderà dalle prossime mosse e se il Napoli deciderà di puntare tutto su Sirigu, cosa che non ha ancora fatto, allora a quel punto il giocatore uscirà allo scoperto e inizierà la trattativa vera e propria”.

Il Torino arrivasse a cedere Sirigu chi prenderebbe per sostituirlo?  

“Nel caso della cessione di Sirigu il Torino non comprerebbe un portiere titolare, ma punterebbe tutto su Milinkovic-Savic, che è considerato un fuoriclasse e, infatti, nonostante alcune richieste, come quella della Spal, darebbe la maglia da titolare al serbo. Questa è la situazione, ma ripeto, è prematuro dire che il Napoli è pronto a prendere Sirigu perché al momento non ha ancora chiamato Cairo o Petrachi e ha solo parlato con Branchini. Per la porta del Napoli gira anche la voce relativa a Donnarumma, ma il Napoli me l’ha smentita seccamente e anch’io ci credo poco. Venerdì ventidue il Milan saprà se parteciperà all’Europa League e in questo caso il cartellino del portiere varrà settanta milioni, per un accordo tra gentiluomini siglato un anno fa tra Fassone e Raiola, in caso contrario quaranta. La vulgata dice che ventotto milioni costa Callejon come da clausola e con l’aggiunta di altri dodici il Napoli arriverebbe a Donnarumma. Ci sta il ragionamento a livello di cartellino, memo per lo stipendio, infatti, dubito, conoscendo la politica economica di De Laurentiis, che il Napoli prenda un giocatore che guadagna quasi sei milioni. Ecco perché ritengo che al momento sia tutto in alto mare, però, mi sembra che Sirigu sia il portiere meno difficile da prendere per il Napoli. Su Areola c’è anche la Roma e il Paris Saint Germain gli ha proposto il rinnovo, il filippino ha uno stipendio che è doppio rispetto a quello di Sirigu e mi sembra che Ancelotti non si taglierebbe le vene se non gli prendessero Areola. C’è da tener presente che la Roma è in procinto di trattare con il Real Madrid per cedere Alisson e ha una politica diversa sugli stipendi rispetto al Napoli. Vedremo nei prossimi giorni come evolverà la situazione”.

Per capire le tempistiche, entro fine mese il Napoli prenderà il portiere?

“Direi di sì, giorno più giorno meno. Sirigu è sicuramente nei radar, nei pensieri di Ancelotti e di Giuntoli, è un nome caldo, è un nome vero, però, non c’è stato ancora l’affondo perché, magari, il Napoli spera di prendere Areola o che Rui Patrício firmi la manleva. Il Torino si aspetta da un momento all’altro che il Napoli si faccia vivo per Sirigu, ufficialmente dice di non sapere nulla, ma sa di questo interesse come sa che Branchini ha parlato con il Napoli e, quindi, ha le idee chiare: Sirigu va via solo a certe condizioni e il suo posto lo prenderebbe Milinkovic-Savic.
Dico un’ultima cosa che nulla ha a che fare con Sirigu, relativamente alle ultime indiscrezioni che parlano di club inglesi e del Napoli su Verissimo il Napoli mi ha smentito di essere interessato al difensore brasiliano”.