Campione d'Italia con il Toro Primavera, Massimo Martino si ritira a soli 20 anni

07.09.2018 12:59 di Alex Bembi  articolo letto 5086 volte
© foto di Diego Fornero/Torinogranata.it
Campione d'Italia con il Toro Primavera, Massimo Martino si ritira a soli 20 anni

Due titoli con la Primavera del Toro e tanti anni di carriera luminosa davanti a sè: questo si pensava fino a poco tempo fa per Massimo Martino, campione d'Italia e vincitore della Supercoppa Italiana con Moreno Longo alla guida di quel Toro. Invece ieri il giovane classe '97 ha annunciato il suo ritiro dal calcio a causa di un problema al ginocchio che lo ha tormentato per anni. Nonostante tre rotture del crociato, Martino aveva fatto di tutto per realizzare il suo sogno, diventare un calciatore professionista, ma a quanto pare il suo ginocchio non pul reggere a certi livelli e Massimo ha dovuto arrendersi ed appendere le scarpette al chiodo. Il suo addio al calcio nel lungo post pubblicato sul suo profilo Facebook: “Non pensavo che questo momento sarebbe arrivato così presto..
Ma per cause di forza maggiori son costretto a dover appendere gli scarpini al chiodo..
Era il mio sogno più grande e nel giro di un anno mi è stata negata la possibilità di continuare a provarci, ma non ne faccio un dramma, quando si mette in mezzo la salute ed il tuo benessere fisico, ci pensi bene ed arrivi ad una conclusione ovvia.
Non son stato fortunato potrete pensare, ma credetemi nella mia “piccola-grande” “carriera” mi son tolto un sacco di soddisfazioni: Esordire tra i professionisti, giocare la Champions League dei giovani, giocare con giocatori che tutt’ora stanno in serie A/B/C.. tutte belle cose per carità..
Ma la cosa più importante in realtà è che mi reputo fortunato perché il mondo del calcio mi ha fatto conoscere persone stupende, che prima di essere calciatori, fisioterapisti, dirigenti, presidenti o direttori, son grandi Uomini!

Vorrei ringraziare di cuore tutti i compagni avuti quando ho vinto e quando ho perso, dirigenti, chi mi ha supportato, tifato, accompagnato nei momenti tristi e in quelli di gioia.
È stato un immenso piacere LAVORARE con voi.

Si volta pagina”.

Un grosso in bocca al lupo per lui da parte di tutta la redazione di Torino granata. Il calcio in fondo non è tutto.