Serie A, Verona-Milan 0-1. Piatek su rigore regala tre punti ai rossoneri

Cambiata la partita con l’espulsione di Stępiński nel primo tempo, ininfluente quella di Calabria nel recupero finale. I rossoneri sbloccano il match su rigore nella ripresa.
15.09.2019 23:01 di Elena Rossin   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Serie A, Verona-Milan 0-1. Piatek su rigore regala tre punti ai rossoneri

Piatek si è sbloccato e ha permesso al Milan di battere il Verona. La squadra di Juric nel primo tempo aveva provato a proporsi in avanti arrivando in un paio di occasioni vicino alla porta di Donnarumma, ma dopo l’espulsione di Stępiński si è barricata in difesa con dieci uomini dietro la linea del pallone e ha fatto solo qualche tentativo di ripartire. Questo atteggiamento ha messo in difficoltà il Milan che in precedenza si erano resi pericolosi solo con un tiro da lontano di Piatek.
ESPULSO STEPINSKI Il centravanti polacco del Verona nei primissimi minuti in un contrasto con Suso aveva già alzato troppo la gamba rischiando di colpirlo poi ha fatto lo stesso gesto su Musacchio mettendogli i tacchetti praticamente in faccia. Tutto subito l’arbitro Manganiello aveva estratto il giallo, ma richiamato dal Var ha rivisto l'azione nel monitor a bordo campo e ha deciso  per il cartellino rosso, mandando il giocatore negli spogliatoi al 20esimo.

Se il primo tempo non aveva regalato emozioni, la ripresa è stata tutt’altra cosa. Giampaolo passa dal  4-3-2-1 asimmetrico con Paquetà trequartista al 4-3-3 con l’ingresso di Rebic e seppur il Milan continui a non convincere molto i rossoneri così almeno alzano i ritmo, Un palo per parte accende la sfida dopo un’ora di gioco: prima, Calabria dalla distanza e poi Verre su cross di Veloso. Poi il match si sblocca. Tiro di Calhanoglu dal limite deviato con il braccio molto staccato dal corpo da Gunter e Piatek dal dischetto è molto preciso nell’angolare un tiro anche potente e a Silvetri non è bastato intuire (67’). E il polacco avrebbe anche segnato il secondo gol, ma non viene convalidato. Botta da fuori area di Calhanoglu con Silvestri che controlla in due tempi e Piatek che arriva in scivolata e toglie la palla dalle mani del portiere e la fa schizzare in rete. L’arbitro sembra voler convalidare, ma dopo essere andato al monitor annulla per fallo del polacco sul portiere. Nel finale le ultime emozioni: fallo di Calabria su Pessina in azione da chiara occasione da rete e cartellino  rosso per il milanista. La punizione dalla lunetta di Veloso centra la barriera.