Serie A, Napoli-Cagliari 2–1 con finale di fuoco

Gol di Pavoletti, Mertens e Insigne.
05.05.2019 22:35 di Elena Rossin   Vedi letture
Lorenzo Insigne
© foto di Insidefoto/Image Sport
Lorenzo Insigne

Finale incandescente al San Paolo per il rigore assegnato in pieno recupero ai padroni di casa per un fallo di mano di Cacciatore, avvenuto sulla linea che delimita l’area di rigore, che lascia dubbi. L’arbitro Chiffi richiamato dal Var ha rivisto al monitor l’episodio e poi ha concesso il rigore realizzato da Insigne, ma per proteste ha prima ammonito Cigarini e poi espulso Ionita.

Primo tempo senza emozioni con Ritmi bassi e mire non precise. Il Napoli ha avuto il pallino del gioco, ma ha trovato spazi ben chiusi dal Cagliari che si è difeso e di fatto si è affidato solo a qualche ripartenza. L’unico ad andare vicino al gol è stato Younes quando su sviluppo da calcio d’angolo ha ricevuto da Zielinski e dopo aver controllato di petto con il destro a incrociare ha mandato la palla fuori di pochissimo (16’).

Nella ripresa qualche emozione in più c’è stata anche prima del finale convulso. Il Napoli più di una volta si è reso pericoloso, ma a segnare per primo è stato il Cagliari. In ripartenza i sardi si sono fatti sotto e Barella ha servito con un delizioso colpo di tacco Pavoletti che con il destro a incrociare ha insaccato (63’). Il Napoli ha evitato la figuraccia con Mertens che di testa ha battuto Cragno (85’) e poi grazie al calcio di rigore ha vinto: Insigne dagli undici metri ha aspettato che Cragno si muovesse e poi ha tirato centralmente (98’). La partita è terminata al minuto 101.