Serie A, Fiorentina-Juventus 0-0 alla fine del primo tempo. I tifosi bianconeri contro la nuova maglia

Primo tempo più viola che bianconero. Due cambi forzati per Sarri escono Douglas Costa e Pjanic e al loro posto entrano Bernardeschi e Bentancur.
14.09.2019 16:02 di Elena Rossin   Vedi letture
Chiesa e Alex Sandro
© foto di www.imagephotoagency.it
Chiesa e Alex Sandro

Primo tempo a lungo dominato dalla Fiorentina, ma la gara dei bianconeri è stata condizionata anche da due cambi forzati, con Douglas Costa e Pjanic che hanno dovuto lasciare il campo per infortuni a Bernardeschi e Bentancur. Le occasioni migliori le ha avute la squadra di Montella che si è schierata con il 3-5-2 con in attacco la coppia formata Ribery-Chiesa. Al 15' è proprio il giovane figlio d'arte a mettere in difficoltà Szczesny, che gli rinvia addosso rischiando un clamoroso assist. Dragowski, invece, viene impegnato su un tiro di Matuidi al 19' ma poi non deve più effettuare parate. Al 41' è incredibile la palla gol che spreca Dalbert su assist di Ribery: di testa, da due passi, esalta i riflessi del portiere polacco che devia in angolo.

I tifosi della Juventus non hanno apprezzato la decisione della società e dello sponsor tecnico di puntare su una maglia bianconera senza le classiche strisce bianche e nere e lo hanno mostrato ancora una volta con uno striscione esposto nel  settore ospiti dello stadio Franchi che recitava: "La nostra storia è a strisce bianconere".

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Cáceres; Lirola, Pulgar, Badelj, Castrovilli, Dalbert; Chiesa, Ribery. 
A disposizione: Terracciano, Terzic, Ceccherini, Venuti, Ranieri, Ghezzal, Cristoforo, Sottil, Zurkowski, Vlahovic, Boateng, Montiel. 
Allenatore: Montella

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Danilo, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Khedira, Pjanic (44’ Bentancur), Matuidi; Douglas Costa (8’ Bernardeschi), Higuain, Cristiano Ronaldo
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Rugani, Demiral, Ramsey, Rabiot, Emre Can, Dybala, Cuadrado.
Allenatore: Sarri