Genoa nel caos: Preziosi aggredisce un giornalista e ribadisce: "Non vendo il club". Ma c'è un cambio al vertice

04.06.2013 17:50 di Riccardo Billia   vedi letture
Genoa nel caos: Preziosi aggredisce un giornalista e ribadisce: "Non vendo il club". Ma c'è un cambio al vertice
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Ha passato momenti migliori il Genoa. E non sono certo queste settimane le più serene per il presidente Preziosi, alle prese con la decisione su chi guiderà i rossoblù nella prossima stagione. Intanto c'è da registrare un'aggressione da parte dell'imprenditore nei riguardi di un giornalista del Secolo XIX, Valerio Arrichiello. Quest'ultimo, assieme al collega Dario Freccero, stavano attendendo Preziosi in Piazza Lido di Pegli, all'esterno del ristorante, nel quale il Presidente del Genoa era a pranzo con l'imprenditore Antonio Rosati (presidente del Varese, ndr) per la cessione del club. Racconta il quotidiano ligure: "I giornalisti avevano deciso di rispettare la privacy dell’imprenditore, non disturbandolo durante il pranzo, ma attendendolo in un luogo pubblico. Non è bastato a frenare l’ira di Preziosi, che prima ha minacciato i giornalisti, poi si è scagliato con calci e schiaffi contro il nostro operatore, strappandogli alla fine la telecamera, scagliandola a terra e riducendola a pezzi". Terminato il momento d'ira, Preziosi si è scusato: "Sono pronto a ripagarvi la telecamera", ed è poi salito in auto in direzione Villa Rostan. Il nervosismo del presidente del Grifone deriva dalla volontà di lavorare alla modifica dell'assetto societario evitando la fuoriuscita di notizie false. Lo stesso Preziosi ha infatti affermato a SkySport: "Non c'è nessuna cessione del club, ma ci sarà l'inserimento di Rosati nella società. Il presidente lascerà il suo incarico del Varese, visto che non si possono mantenere due cariche, e verrà a lavorare da noi. Non c'è alcun passaggio di proprietà e tutto quello che ho letto sono solo fandonie incredibile, soprattutto dai giornali locali che hanno annunciato che avrei ceduto la società e che Rosati sarebbe stato il nuovo presidente. Non c'è nulla e io mi stanco di smentire voci non vere e alle scorrettezze che sto subendo. E presto reagirò come da mio solito. Stiamo lavorando per un progetto col Genoa, con Rosati che dovrebbe svolgere il ruolo che lo scorso anno avevo affidato a Lo Monaco nella gestione del mercato e della società".