Radice: Pecci, cambiò il modo di giocare

Regista del Toro, il 'sergente di ferro' era uomo molto dolce
07.12.2018 19:42 di Marina Beccuti Twitter:   articolo letto 1504 volte
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
(ANSA) - TORINO, 7 DIC - "In questo momento le parole sono superflue, meno se ne dicono, meglio è: abbiamo perso un grandissimo uomo...". Eraldo Pecci, contattato al telefono dall'ANSA, fatica a parlare di Gigi Radice, il tecnico con cui vinse, nel 1976, lo scudetto del Torino, il primo e unico del dopo Superga. Di quella squadra Pecci, oggi commentatore della Rai oltre che scrittore, era il regista. "C'è davvero poco da dire - dice sconsolato -, era un uomo esemplare al quale ero molto affezionato". Due caratteri all'apparenza lontanissimi, Radice schivo e riservato, Pecci esuberante ed estroverso, ma capaci di un rapporto profondo. "Dicevano di lui che era un 'sergente di ferro', invece sapeva essere un uomo molto dolce - ricorda -. Dal punto di vista professionale è stato l'allenatore che ha cambiato il calcio italiano, portando l'Olanda in Italia".