Criscitiello: “Giampaolo, mi dispiace ma lo avevo detto 10 anni fa...”

18.01.2021 12:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Michele Criscitiello
Michele Criscitiello
TUTTOmercatoWEB.com
Michele Criscitiello

Nell’editoriale su TuttoMercatoWeb il direttore Michele Criscitiello ha parlato di Marco Giampaolo che ormai, anche se manca ancora l’ufficialità, è l’ex allenatore del Torino.“A Torino è già finita l'esperienza di Marco Giampaolo. Mediaticamente sono sempre stato un duro critico di Giampaolo. Se andate su google e tornate a dieci anni fa escono mie dichiarazioni frequenti su due temi. Giampaolo non può essere considerato un grande allenatore e Muriel è un fenomeno. Questi i miei due cavalli di battaglia dal 2010 in poi. Poi, sono onesto, su Giampaolo ho tirato un po' il freno a mano quando qualcuno mi ha fatto notare che poteva sembrare un accanimento personale e non tecnico. Ho apprezzato quando con umiltà è ripartito da Cremona, in serie C, e mi ero ripromesso di chiudere la battaglia contro Giampaolo. Ma oggi non posso dire ciò che penso da sempre. Il Milan ha svoltato con l'addio di Giampaolo e il Torino in quella zona di classifica è imbarazzante. Cosa penso di Giampaolo da sempre? E' un grande maestro, un grande teorico ma un pessimo pratico. Se parli di calcio con lui lo ascolteresti per ore. Ha grandi idee, dice cose giuste ed è innovativo. A Coverciano, infatti, parla sempre Giampaolo. Ma, da una vita, io sono contro i teorici e a favore dei pratici. Puoi anche essere un Professore Universitario e parlare di finanza ma gestire un'azienda è un'altra cosa. Giampaolo ha delle grandi lacune nella gestione del gruppo ma soprattutto nel far rendere le sue squadre. La colpa, però, va divisa al 33%, 33%,33% e l'1% lo lasciamo a chi volete voi. Se Cairo prende Vagnati e poi l'allenatore lo sceglie il Presidente significa che si parte male. Se prendi Giampaolo e non gli vendi i calciatori da 3-5-2 perché guadagnano tanto (vedi Izzo) e non gli prendi i calciatori per il 4-3-1-2 di Giampaolo possiamo dire che l'allenatore è scarso, certo, ma dobbiamo anche dire che gli hanno fatto il mercato al contrario. Per non ricordare che il Torino rischia di retrocedere con il settimo monte ingaggi della serie A”.