M. Lopez: Rifiutai Wanda come procuratrice

'Suo tono per trattare ciarliero. Dirigenza Inter si è stancata'
22.02.2019 16:38 di Marina Beccuti Twitter:   articolo letto 1679 volte
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - "Una volta Wanda mi chiese di diventare mia procuratrice, ma rifiutai. Credo ci siano donne molto capaci per questo lavoro: bisogna separare il lavoro dalla famiglia. Personalmente non volevo mischiare le due cose. Leggendo certe notizie credo che, fra le tante mie scelte sbagliate, quella fu giusta". Così Maxi Lopez, in un'intervista concessa al giornalista argentino Fernando Niembro, torna a parlare dell'ex moglie, Wanda Nara. "Credo che il tono di Wanda per trattare con i dirigenti italiani sia molto ciarliero - aggiunge -. Il linguaggio del calcio è diverso e non lo impari da un giorno all'altro. Credo che i dirigenti dell'Inter siano stufi. Anche perché, il rendimento di Icardi non è lo stesso. Un giocatore di un certo livello deve essere affiancato da una persona di un certo livello".