La corsa all’Europa del Torino passa da Fiorentina e Sampdoria

Per tasso di difficoltà delle partite e per incroci diretti e indiretti la 29ª e 30ª giornata possono mantenere in corsa o praticamente estromettere oppure complicare di molto la vita a chi perderà.
19.03.2019 09:47 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
La corsa all’Europa del Torino passa da Fiorentina e Sampdoria

A fine campionato mancano dieci partite, ma le prossime due per il Torino, e non solo, saranno di massima importanza. La classifica inizia a parlare chiaro. L’Inter e il Milan, con 53 e 51 punti e relativi terzo e quarto posto, attualmente sono in Champions e continuando così lo saranno anche il 26 maggio. Se anche incappassero in qualche passo falso, come è accaduto al Milan nel derby, scivolerebbero un pochino in giù finendo però per disputare l’Europa League, solo un tracollo con contemporaneo periodo di grazia di tutte le altre che sono in  lotta per la seconda competizione europea le escluderebbe, una o entrambe, dalle competizioni internazionali. Scenario questo inverosimile allo stato attuale delle cose.

Il discorso Europa League è da concentrarsi, invece, su Roma (47 punti), Lazio (45, ma deve recuperare la partita con l’Udinese il 10 aprile), Atalanta (45), Torino (44), Sampdoria (42) e Fiorentina (37). Giallorossi e biancocelesti, in virtù della gara che devono recuperare,sono quelli che più di altri possono insidiare Milan e Inter per la Champions. In teoria anche nerazzurri e granata, ma solo se le due milanesi e le due romane iniziassero a perdere colpi. E’ più realistico, invece, pensare che Atalanta e Torino possano insediare Roma e Lazio per il quinto e il sesto posto. Mentre per quel che riguarda Sampdoria e Fiorentina hanno ancora possibilità di recuperare la distanza che le separa da Torino e Atalanta a patto di disputare un finale di stagione senza commettere passi falsi e sperando che bergamasco e granata inciampino più di una volta. A quel punto superato il primo ostacolo continuando a inanellare successi e sempre a fronte di difficoltà di altre squadre potrebbero arrivare al sesto o al quinto posto.  

Focalizzando l’attenzione sul Torino, la squadra di Mazzarri nelle prossime due giornate affronterà Fiorentina e Sampdoria e se batterà entrambe le allontanerà quasi certamente dall’Europa League, anche perché i blucerchiati dovranno vedersela anche con il Milan e i viola con la Roma. In più in granata non solo resterebbero in piena lotta per l’Europa League, ma potrebbero approfittare di qualche passo falso di altre dirette concorrenti.
Sempre nelle due prossime partite, l’Atalanta ha uno scontro tutto sommato facile, seppur in trasferta, con il Parma, che è nella zona tranquilla della classifica ben distante da chi lotta per non retrocedere, e poi un match decisamente più impegnativo in casa con il Bologna, che sabato scorso ha battuto il Torino conquistando tre punti importanti in chiave salvezza. La Lazio sarà impegnata in una doppia trasferta con Inter, in corsa per restare in zona Champions, e Spal, che deve salvarsi. La Roma, invece, avrà due partite casalinghe, prima con il Napoli e poi con la Fiorentina avversari sicuramente non facili. Il Milan andrà al Ferraris con l’intento di riscattarsi, dopo la sconfitta subita dall’Inter, ai danni della Sampdoria e al Meazza in casa riceverà l’Udinese, altra formazione impegnata a non retrocedere. L’Inter se la vedrà con la Lazio a Sa Siro e poi in trasferta con il Genoa, che domenica ha inflitto alla Juventus la prima sconfitta in campionato.

Con uno scenario così è evidente che il Torino ha solo un risultato possibile con Fiorentina e Sampdoria: vincere. A quel punto, poi, potrà pensare alle successive otto partite.