Semifinale Final Eight, una sconfitta che chiude non nel migliore dei modi l’annata del Torino Primavera

 di Marina Beccuti Twitter:   articolo letto 3232 volte
Fonte: Veronica Guariso per TorinoGranata
© foto di Diego Fornero/Torinogranata.it
Semifinale Final Eight, una sconfitta che chiude non nel migliore dei modi l’annata del Torino Primavera

Non è bastato il cuore Toro per i ragazzi di Longo, usciti in Semifinale contro una Juve “più cinica”,  a detta di Longo. Un vero peccato, ma comunque un buon traguardo: è infatti il terzo anno consecutivo che i granata riescono ad arrivare tra le prime quattro d’Italia. Annata turbolenta all’inizio, ma gratificante nel finale. Il Torino non è purtroppo riuscito a compiere l’impresa: una Juventus aggressiva lo ha chiuso quasi totalmente nella propria metà campo durante la prima metà di gioco, trovando il gol con Pozzebon. Più coraggio nella ripresa, ma che non è bastato, perché gli avversari hanno tenuto il risultato, amministrando bene il gioco. Squadre diverse, scese in campo con atteggiamenti diversi: i ragazzi di Longo con una rosa meno quotata, ma con più cuore, partiti con un’ottica più difensiva, per limitare i danni; Grosso e i suoi invece, subito all’attacco, hanno cercato il vantaggio sin dai primi minuti, coprendo poi bene. La stanchezza si è fatta sentire, ma resta di fatto che, pur non avendo disputato una partita eccezionale, i danni sono stati limitati. Alcuni elementi hanno comunque svolto bene il loro compito: in difesa bene Friedenlieb e Zaccagno come sempre, che salvano il risultato in un paio di occasioni. A centrocampo si fa onore Piccoli, che prova a dare il via ad azioni offensive non sfruttate. In attacco il migliore risulta essere Traore, che entra al 34’ dalla ripresa, ma riesce comunque a distinguersi.

Nel complesso prestazione mediocre e un po’ sfortunata, contro una squadra dimostratasi superiore. Un altro anno di Campionato si è quindi concluso: molti di questi ragazzi lasceranno le Giovanili del Toro per andare in prestito e crescere in modo da essere pronti per un eventuale futuro in Serie A. Un augurio a tutti loro, e anche a Mister Longo, che è prossimo anch’egli alla partenza per una nuova avventura con la Pro Vercelli