Mercoledì 16 Aprile 2014
PRIMO PIANO
19 Apr 2014 15:00
Serie A TIM 2013-2014
  VS  
Lazio   Torino
[ Precedenti ]
Daily Network
© 2014
PRIMO PIANO

Due punti dalla meta e dopo 1085 giorni la riscossa granata

Tre giorni ancora d'attesa e poi la festa granata avrà inizio. Domani l'Alta Corte del Coni emetterà la sentenza sulla gara condizionata dal black out con il Padova. Per il Torino la serie A non deve essere un punto d'arrivo, ma di partenza.
17.05.2012 11:59 di Elena Rossin  articolo letto 2496 volte
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Il tifoso granata che abita a Torino, e non solo, in questi giorni quando si affaccia alla finestra o cammina per strada inevitabilmente vede sventolare le bandiere bianconere, ovviamente fa finta di nulla perché pregusta e già vede quelle granata che sono pronte e attendono con impazienza di essere esposte. Ancora qualche ora di pazienza e le finestre, i balconi e le facciate degli edifici cambieranno aspetto. I colori bianconeri non spariranno, ma in compenso comparirà il granata. Sono passati 1.082 giorni dal fatidico 31 maggio 2009, ultima partita dei granata in serie A (Roma-Torino 3-2 a segno 9’ Vaillatti, 36’ Menez, 74’ Vucinic, 83’ rigore Totti, 88’ Ventola), e domenica saranno 1.085: un’eternità zeppa di tante amarezze e solo di qualche piccola ed effimera gioia, ad eccezione dell’ultima stagione dove la tendenza si è invertita.

Qualcuno penserà che bisogna stare zitti ed attendere di conquistare i due punti che garantiscono aritmeticamente la serie A al Torino prima di pensare di aver voltato pagina. Tenero scaramantico. Certo la prudenza non è mai troppa soprattutto per chi negli ultimi decenni ha subito delusioni a ripetizione e dalla stagione 1989-1990, quella che ha visto per la seconda volta nella storia il Torino piombare nella cadetteria, ha dovuto sopportare undici su ventitre campionati in serie B, ma è giunto il momento di cambiare mentalità e iniziare a pensare da vincenti. Il vincente è conscio dei propri mezzi - ovviamente conosce i propri limiti altrimenti sarebbe solo un presuntuoso - e di conseguenza sa che può ottenere quello che vuole: con tutto il rispetto per il Modena però il Torino ha ventotto punti in più e quindi la vittoria è alla sua portata senza se e senza ma.

Potrebbe anche accadere che domani l’Alta Corte del Coni decida si assegnare al Torino i tre punti della gara d’andata con il Padova quando all’Euganeo si spensero e riaccesero le luci più volte fino a quando tutti rimasero al buio. Se ciò avvenisse sarebbe finalmente ristabilito che la sicurezza degli spettatori è una priorità che va messa in primo piano davanti a tutto e a tutti. Ovviamente una sentenza positiva al Torino sancirebbe anche la serie A, però in fondo il tifoso granata i punti per lasciarsi alle spalle il grigiore degli ultimi anni vuole che arrivino dal campo e non da un’aula di tribunale; quasi quasi sarebbe più carino se l’Alta Corte del Coni rinviasse di qualche giorno la sentenza, visto che oramai questa vicenda si è trascinata per un tempo esagerato e quindi qualche giorno in più non cambierebbe nulla, così la serie A per il Toro arriverebbe prima dal campo.

Al termine della partita con il Sassuolo Ventura ha detto: “Speriamo di tinteggiare al più presto Torino di granata. Alla mia prima conferenza stampa mi era stato detto che non c’era più niente e io ho detto che il vero obiettivo non era andare in serie A, ma riaccendere una cellula granata per poter tornare ad essere orgogliosi di essere tifosi del Toro. Io credo che adesso questa cellula sia viva, dobbiamo solo continuare, ma da solo mi è difficile, a innaffiarla”. Parole sacrosante che però vanno un po’ corrette in quando non era del tutto vero che non c’era più niente, perché i tifosi del Toro c’erano eccome, infatti lo stesso Ventura ha detto che alla prima partita ufficiale della stagione, quella di Coppa Italia con il Lumezzane il tredici agosto, allo stadio si presentarono quindici-sedici mila granata, molti dei quali magari scettici e senza tante speranze, ma comunque presenti a prescindere e nonostante tutto perché Torino è stata e resterà granata. Domenica al termine della gara con il Modena inizierà la festa e dovrà coincidere anche con un nuovo corso, che potrà essere tale solo se il Torino rimarrà stabilmente in serie A: non un traguardo, ma una partenza.


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie
 

IMMOBILE SHOW: "IL GOL LO DEDICO A MIO PADRE. BORUSSIA? IL TEDESCO È DIFFICILE"

I gemelli del gol Cerci e Immobile hanno nuovamente dato la loro impronta alla vittoria granata odierna. C'è l'imbarazzo della scelta quale dei due gol sia stato il più bello, l'importante è che abbiano portato i tre punti al Toro. Bello il sipari...

TORO: I PIÙ E I MENO DOPO IL GENOA. È UN TORO SENZA FINE

Padelli: 0 a mio parere fa e disfa. Più che bravo sul quasi autogol di Glik, più che colpevole sul gol di Gilar...

KONE, CONTINUANO I RUMOR

Panagiotis Kone è il nuovo nome caldo del mercato granata. Il greco sintetizza al meglio ciò che Ventura v...

LAZIO, BIGLIA: "CON REJA SIAMO CRESCIUTI. CON QUALCHE ACQUISTO IN ESTATE POSSIAMO VOLARE"

Arrivato in estate dall'Anderlecht alla Lazio, Lucas Biglia, centrocampista argentino si è raccontato ai...

ALLIEVI, CINQUINA AL SIENA

La formazione degli Allievi Nazionali granata distrugge con un netto 5-1 il Siena grazie alle reti di Candellone (doppietta),...

LAZIO-TORINO, QUATTRO GLI EX-GIOCATORI OLTRE A REJA

Oltre a Edy Reja, che allenò il Torino nell'ormai lontano 1997/98, sono quattro gli ex coinvolti nel Lazio-Torino ...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 16 Aprile 2014.
 
Juventus 87
 
Roma 79
 
Napoli 67
 
Fiorentina 58
 
Inter 53
 
Parma 51
 
Torino 48
 
Milan 48
 
Lazio 48
 
Atalanta 46
 
Hellas Verona 46
 
Sampdoria 41
 
Genoa 39
 
Udinese 38
 
Cagliari 33
 
Chievo Verona 30
 
Bologna 28
 
Livorno 25
 
Sassuolo 25
 
Catania 20

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy